Stampa gratis il testo della canzone di Natale " Tu scendi dalle stelle " scritta da Alfonso Maria de’ Liguori e nota anche come Canzoncina a Gesù Bambino

Tu scendi dalle stelle: testo da stampare
Condizioni di utilizzo dell'immagine

Solo per uso personale e per la condivisione sui social tramite i bottoni presenti sull'immagine. Per la distribuzione su altri siti o blog è necessario inserire il link di attribuzione come segue:
<a href="">Cartoni.wiki</a>

Stampa

Stampa questa immagine. su carta A4.

Personalizza »

Modifica con l'editor online gratuito.

Scarica

Salva questa immagine con il download.

Testo tu Scendi dalle Stelle

Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo,
e vieni in una grotta al freddo al gelo,
e vieni in una grotta al freddo al gelo.
O Bambino mio divino, io ti vedo qui tremar.
O Dio beato, 
ah quanto ti costò l’avermi amato.
ah quanto ti costò l’avermi amato.

A Te che sei del mondo il creatore
mancano panni e fuoco, o mio Signore,
mancano panni e fuoco, o mio Signore.
Caro eletto pargoletto quanto questa povertà
più m’innamora giacché ti fece amor
povero ancora, giacché ti fece amor
povero ancora.

Tu lasci il bel gioir del divin seno, 
per venire a penar su questo fieno,
per venire a penar su questo fieno.
Dolce amore del mio core,
dove amor ti trasportò?
O Gesù mio, perché tanto patir?
Per amor mio! perché tanto patir?
Per amor mio!

Ma se fu tuo voler
il tuo patire,
perché vuoi pianger poi,
perché vagire?
perché vuoi pianger poi,
perché vagire?
Sposo mio, amato Dio,
mio Gesù, t’intendo sì!
Ah, mio Signore,
tu piangi non per duol,
ma per amore,
tu piangi non per duol,
ma per amore.

Tu piangi per vederti
da me ingrato
dopo sì grande amor,
sì poco amato,
dopo sì grande amor,
sì poco amato!
O diletto del mio petto,
se già un tempo fu così,
or te sol bramo:
caro non pianger più,
ch’io t’amo e t’amo,
caro non pianger più,
ch’io t’amo e t’amo.

Tu dormi, Ninno mio,
ma intanto il core
non dorme, no ma veglia
a tutte l’ore,
non dorme, no ma veglia
a tutte l’ore.
Deh, mio bello e puro Agnello,
a che pensi? dimmi tu.
O amore immenso,
“Un dì morir per te”
rispondi “io penso”,
“Un dì morir per te”
rispondi “io penso”.

Dunque a morire per me,
tu pensi, o Dio
ed altro, fuor di te,
amar poss’io?
ed altro, fuor di te,
amar poss’io? 
O Maria, speranza mia,
s’io poc’amo il tuo Gesù,
non ti sdegnare
amalo tu per me,
s’io nol so amare!
amalo tu per me,
s’io nol so amare!

 

Questa canzone cantata in molte recite di Natale dai bambini è stata composta da Alfonso Maria de' Liguori (Napoli, 27 settembre 1696 – Nocera dei Pagani, 1º agosto 1787) che era  un vescovo cattolico e un compositore italiano autore di molte opere letterarie, teologiche e di celebri melodie.

Tu scendi dalle stelle è nata da un precedente canto napoletano natalizio dell'autore intitolato Quanno nascette Ninno. 

«Quanno nascette Ninno a Betlemme, 
era notte e pareva miezo juorno»

 

 

TAGS



Altri articoli interessanti


Buon Natale

Buon Natale e felice anno nuovo... Le immagini, le canzoni e i video più belli da condividere per gli auguri di Natale con gli amici e la famiglia