Lo Studio Ghibli ่ uno studio cinematografico di film d’animazione giapponese, noto soprattutto per essere il produttore delle opere di Hayao Miyazaki e Isao Takahata.

Studio Ghibli
Condizioni di utilizzo dell'immagine

Solo per uso personale e per la condivisione sui social tramite i bottoni presenti sull'immagine. Per la distribuzione su altri siti o blog รจ necessario inserire il link di attribuzione come segue:
<a href="">Cartoni.wiki</a>

Stampa

Stampa questa immagine. su carta A4.

Personalizza »

Modifica con l'editor online gratuito.

Scarica

Salva questa immagine con il download.

Casa cinematografica
fondata da  
Hayao Miyazaki
Isao Takahata
Toshio Suzuki
Yasuyoshi Tokuma

 

Lo Studio Ghibli è uno studio cinematografico di film d'animazione giapponese. I suoi anime sono conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo fondato nel 1985 dal celebre regista Hayao Miyazaki insieme al suo collega Isao Takahata. Le sue origini, però, risalgono a due anni prima, quando nel 1983 iniziò la lavorazione di Nausicaä della valle del vento (1984), precedentemente serializzato nel 1982 come manga dalla Tokuma Shoten, la compagnia da cui nacque lo Studio Ghibli.

Nel 1986, un anno dopo la sua fondazione, gli animatori dello Studio Ghibli hanno presentato il loro primo film di animazione: Castello nel cielo (Castle in the Sky), scritto e diretto da Hayao Miyazaki.
E' così che lo studio ha portato sugli schermi un'incantevole storia di fantasia e drammaticità ponendo le basi per ciò che la casa di animazione giapponese avrebbe creato nei decenni a venire.  Da quel giorno, il pubblico di tutto il mondo ha sentito il profondo impatto di queste storie e la loro influenza sull'animazione, ma oggi lo Studio Ghibli ha una portata ancora più ampia. Per la prima volta dalla sua fondazione, i loro film sono ora disponibili per essere acquistati in digitale. Lo studio Ghibli è stato in gran parte associato al lavoro di Miyazaki, ma è anche grazie ad altri animatori che è riuscito a mettere in evidenza l'umana in tutte le sue forme. 

La città incantata (Spirited Away) è sinonimo di Ghibli così come Miyazaki. Potrebbe non essere la sua opera migliore, ma è sicuramente il film dello studio più noto. Il grande successo è arrivato grazie alla vittoria come miglior film d'animazione agli Oscar nel 2003 e all' elogio di John Lasseter, che all'epoca era a capo della Pixar. È un film impressionante, commovente e onesto con una grande ricchezza immaginativa e una superba tecnica di animazione. Chihiro, una bambina di 10 anni, si trova sul sedile posteriore della macchina dei suoi genitori, trattenendo le sue ansie in modo così silenzioso mentre si dirigono verso la loro nuova casa. Lungo la strada, si fermano in quello che sembra essere un carnevale abbandonato, ma non appena sua madre e suo papà assaggiano il cibo, si trasformano in maiali e il regno degli spiriti iniziano a circondarla. Trovandosi in uno stabilimento balneare che si rivolge agli spiriti, Chihiro incontra Haku, un misterioso apprendista della strega Yubaba, che gestisce il resort che dice a Chihiro di trovare un lavoro qui fino a quando non troveranno un modo per salvare i suoi genitori e tornare nel mondo mortale. È una storia che esplora molti degli stessi temi trovati nelle opere Ghibli di Miyazaki: la natura, la capacità di resistenza dei bambini, le paure, il cambiamento e i problemi della crescita. È sia una sintesi dell'estetica di Ghibli che lo spettro dello studio: una storia di bambini e per bambini che contiene bellezza e paure.
Questo film è adatto ai bambini in qunato permette di sviluppare la loro immaginazione con tenacia e brillantezza, fornendo personaggi complessi che subiscono drammatici cambiamenti interni nei loro viaggi.

L'influenza culturale del primo film dello Studio Ghibli è difficile da sopravvalutare, ma Laputa - Castello nel cielo è un film che evidenzia l'abilità registica e narrativa di Miyazaki. Il film inizia con una ragazza che cade dal cielo, salvata solo dalla sua magica collana che la tiene a galla. Viene trovata da un giovane ragazzo dagli occhi brillanti di nome Pazu, il cui defunto padre ha visto una volta un castello impossibile che galleggiava tra le nuvole chiamate Laputa. Quando diventa chiaro che la ragazza Sheeta ha una profonda connessione con Laputa, i due intraprendono il viaggio di una vita - anche se devono confrontarsi con coloro che cercano le risorse perdute da tempo di Laputa per scopi nefasti. Uno dei grandi temi di Miyazaki è la lotta tra la tecnologia creata dall'uomo.  I grandi guardiani robot di Laputa sono una meraviglia che ha ispirato innumerevoli storie steampunk, ma molti di loro soccombono al passare del tempo e alla crescita eccessiva delle piante. Laputa, l'apice del successo scientifico umano, si rivela un paradiso vuoto rispetto alle meraviglie del mondo naturale. 

Porco Rosso è ambientato in Italia tra le guerre mondiali, il protagonista è un ex asso volante che ora caccia i pirati nel mare Adriatico. Questo è il contesto storico e geografico più reale della maggior parte dei film in questa lista, ma ovviamente c'è una presa magica: Marco è stato trasformato in un maiale antropomorfo. Ma non ha ceduto all'avidità come i genitori di La città incantata. Marco sembra credere di essere maledetto per essere un codardo, o forse solo un sopravvissuto, ma l'unica spiegazione che otteniamo è un flashback per lo più silenzioso della guerra quando Marco vide morire i suoi amici e si trovò brevemente faccia a faccia con l'eternità. Quella scena trascendente è uno dei traguardi più belli di Miyazaki. Il resto del film ha un'avventura travolgente, che influenza profondamente il romanticismo e una delle più grandi linee di dialogo cinematografico di sempre: "Preferirei essere un maiale piuttosto che un fascista!" Porco Rosso esce nelle sale nel 1992 e supera al box office tutti i film dell’anno, tra cui Hook di Steven Spielberg e La bella e la bestia della Disney.

La Principessa Mononoke ha sicuramente l'inizio più desolante di qualsiasi film Miyazaki, che mostra un villaggio rurale attaccato da un mostro furioso. Dopo che l'eroico Ashitaka riesce a salvare il suo popolo e ad uccide il mostro, viene rivelata la sua vera forma: era solo un nobile spirito di cinghiale che era stato corrotto dal veleno del ferro e dell'industria artificiali. I film di Miyazaki mostrano in genere l'amore per la natura, l'industria o entrambi, ma in questo film si scontrano con risultati violenti e tragici. Maledetto dal cinghiale, Ashitaka apprende che l'unica cura possibile per lui è trovare il grande Spirito della Foresta. Ma come tutto nella principessa Mononoke, lo spirito della foresta ha due facce: di giorno è un cervo silenzioso con il potere di guarire, ma di notte diventa un abissale gigante di distruzione. Idealmente, la vicina città-fabbrica smetterebbe di invadere il territorio sacro dello Spirito della Foresta, ma l'insediamento stesso è un esperimento femminista radicale condotto da donne. Il mondo sta cambiando, ma se ci fosse un modo per aiutare e abbracciare quel cambiamento senza ispirare odio e crudeltà? Questa è la domanda che la Principessa Mononoke pone a tutti. Dopo l’uscita del film è subito chiaro che gli incassi supereranno di molto le aspettative: strappando addirittura il primato che E.T. deteneva dal lontano 1983. Alla fine Princess Mononoke è stato superato al botteghino da Titanic, ma l’incasso di 19,3 miliardi di yen resta ancora oggi uno dei più alti della storia del cinema giapponese.

Una ragazza di nome Sophie si innamora di un mago di nome Howl e viene punita da una strega rivale che la trasforma in una vecchia. All'inizio, la ragazza prova orrore per il suo corpo, ma Sophie cresce amando la sua nuova forma e trova la libertà nella vecchiaia. Mentre molti film Miyazaki celebrano la magica innocenza della giovinezza, il castello errante di Howl trova qualcosa da custodire nella saggezza degli anni. Evocato dalla guerra dal suo re, Howl può guardare con disprezzo ai maghi che si trasformano avidamente in mostri per combattere il conflitto di qualcun altro. “Quei maghi si pentiranno di averlo fatto. Non torneranno mai più dagli umani”.

Le produzioni dello Studio Ghibli vanno oltre Miyazaki, sebbene la sua forza come narratore continui a definirne l'eredità. Mentre i film precedentemente citati sono i titoli più significativi troviamo altre opere, come ad esempio quelle di Isao Takahata che hanno lasciato il segno. Isao Takahata ha diretto il suo primo film pe rlo studio Grave of the Flies del 1988 e successivamente Pom Poko e I miei vicini Yamada

TAGS



Altri articoli interessanti