I Promessi Sposi - Capitolo 1 pag. 2

I promessi sposi di Alessandro Manzoni Capitolo 1 pagina 2 da stampare gratis.

Libri

Promessi Sposi Alessandro Manzoni Promessi Sposi Capitolo 1
I Promessi Sposi - Capitolo 1 pag. 2
Condizioni di utilizzo dell'immagine

Solo per uso personale e per la condivisione sui social tramite i bottoni presenti sull'immagine. Per la distribuzione su altri siti o blog è necessario inserire il link di attribuzione come segue:
<a href="https://www.cartoni.wiki/blog/Libri_I+Promessi+Sposi+-+Capitolo+1+pag.+2_blog_1447">Cartoni.wiki</a>

TI PIACE QUESTA IMMAGINE?
Personalizza »


CONDIVIDILA
I Promessi Sposi - Capitolo 1 pag. 2


Riassunto primo capitolo de I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni

Il primo capitolo, intitolato "Una parrocchia milanese nei primi anni del Seicento", descrive il contesto geografico e storico della storia. La scena si apre sul ramo del lago di Como, che si restringe e inizia a prendere forma di fiume tra due catene di montagne. Il paese descritto è situato in Lombardia nei primi anni del XVII secolo.

Manzoni fornisce una visione della vita e della società della Lombardia dell'epoca, con particolare attenzione alla città di Milano. La narrazione si concentra su una parrocchia e introduce il lettore a Don Abbondio, il parroco, e al signor Azzeccagarbugli, un personaggio importante nella storia.

Il paese è descritto come malandato e deserto, in gran parte a causa della cattiva gestione e dei costumi corrotti degli abitanti. La presenza frequente di eserciti in transito attraverso la regione ha contribuito a ulteriori difficoltà.

In sintesi, il primo capitolo stabilisce il contesto storico e geografico dei "Promessi Sposi", introducendo alcuni personaggi chiave e gettando le basi per gli eventi futuri della trama.


<< Vedi I promessi Sposi Capitolo 1 pag 1


I promessi Sposi Capitolo 1 pag 2

Dichiara e diffinisce tutti coloro essere compresi in questo bando, e doversi ritenere bravi e vagabondi… i quali, essendo forestieri o del paese, non hanno esercizio alcuno, od avendolo, non lo fanno… ma, senza salario, o pur con esso, s’appoggiano a qualche cavaliere o gentiluomo, officiale o mercante… per fargli spalle e favore, o veramente, come si può presumere, per tendere insidie ad altri… A tutti costoro ordina che, nel termine di giorni sei, abbiano a sgomberare il paese, intima la galera a’ renitenti, e dà a tutti gli ufiziali della giustizia le più stranamente ampie e indefinite facoltà, per l’esecuzione dell’ordine. Ma, nell’anno seguente, il 12 aprile, scorgendo il detto signore, che questa Città è tuttavia piena di detti bravi… tornati a vivere come prima vivevano, non punto mutato il costume loro, né scemato il numero, dà fuori un’altra grida, ancor più vigorosa e notabile, nella quale, tra l’altre ordinazioni, prescrive:

Che qualsivoglia persona, così di questa Città, come forestiera, che per due testimonj consterà esser tenuto, e comunemente riputato per bravo, et aver tal nome, ancorché non si verifichi aver fatto delitto alcuno… per questa sola riputazione di bravo, senza altri indizj, possa dai detti giudici e da ognuno di loro esser posto alla corda et al tormento, per processo informativo… et ancorché non confessi delitto alcuno, tuttavia sia mandato alla galea, per detto triennio, per la sola opinione e nome di bravo, come di sopra. Tutto ciò, e il di più che si tralascia, perché Sua Eccellenza è risoluta di voler essere obbedita da ognuno.

All’udir parole d’un tanto signore, così gagliarde e sicure, e accompagnate da tali ordini, viene una gran voglia di credere che, al solo rimbombo di esse, tutti i bravi siano scomparsi per sempre. Ma la testimonianza d’un signore non meno autorevole, né meno dotato di nomi, ci obbliga a credere tutto il contrario. È questi l’Illustrissimo ed Eccellentissimo Signor Juan Fernandez de Velasco, Contestabile di Castiglia, Cameriero maggiore di Sua Maestà, Duca della Città di Frias, Conte di Haro e Castelnovo, Signore della Casa di Velasco, e di quella delli sette Infanti di Lara, Governatore dello Stato di Milano, etc. Il 5 giugno dell’anno 1593, pienamente informato anche lui di quanto danno e rovine sieno… i bravi e vagabondi, e del pessimo effetto che tal sorta di gente, fa contra il ben pubblico, et in delusione della giustizia, intima loro di nuovo che, nel termine di giorni sei, abbiano a sbrattare il paese, ripetendo a un dipresso le prescrizioni e le minacce medesime del suo predecessore. Il 23 maggio poi dell’anno 1598, informato, con non poco dispiacere dell’animo suo, che… ogni dì più in questa Città e Stato va crescendo il numero di questi tali (bravi e vagabondi), né di loro, giorno e notte, altro si sente che ferite appostatamente date, omicidii e ruberie et ogni altra qualità di delitti, ai quali si rendono più facili, confidati essi bravi d’essere aiutati dai capi e fautori loro,…. prescrive di nuovo gli stessi rimedi, accrescendo la dose, come s’usa nelle malattie ostinate. Ognuno dunque, conchiude poi, onninamente si guardi di contravvenire in parte alcuna alla grida presente, perchè, in luogo di provare la clemenza di Sua Eccellenza, proverà il rigore, e l’ira sua… essendo risoluta e determinata che questa sia l’ultima e perentoria monizione.


Non fu però di questo parere l’Illustrissimo ed Eccellentissimo Signore, il Signor Don Pietro Enriquez de Acevedo, Conte di Fuentes, Capitano, e Governatore dello Stato di Milano; non fu di questo parere, e per buone ragioni. Pienamente informato della miseria in che vive questa Città e Stato per cagione del gran numero di bravi che in esso abbonda… e risoluto di totalmente estirpare seme tanto pernizioso, dà fuori, il 5 decembre 1600, una nuova grida piena anch’essa di severissime comminazioni, con fermo proponimento che, con ogni rigore, e senza speranza di remissione, siano onninamente eseguite.

Convien credere però che non ci si mettesse con tutta quella buona voglia che sapeva impiegare nell’ordir cabale, e nel suscitar nemici al suo gran nemico Enrico IV; giacchè, per questa parte, la storia attesta come riuscisse ad armare contro quel re il duca di Savoia, a cui fece perder più d’una città; come riuscisse a far congiurare il duca di Biron, a cui fece perder la testa; ma, per ciò che riguarda quel seme tanto pernizioso de’ bravi, certo è che esso continuava a germogliare, il 22 settembre dell’anno 1612. In quel giorno l’Illustrissimo ed Eccellentissimo Signore, il Signor Don Giovanni de Mendozza, Marchese de la Hynojosa, Gentiluomo etc., Governatore etc., pensò seriamente ad estirparlo. A quest’effetto, spedì a Pandolfo e Marco Tullio Malatesti, stampatori regii camerali, la solita grida, corretta ed accresciuta, perchè la stampassero ad esterminio de’ bravi. Ma questi vissero ancora per ricevere, il 24 decembre dell’anno 1618, gli stessi e più forti colpi dall’Illustrissimo ed Eccellentissimo Signore, il Signor Don Gomez Suarez de Figueroa, Duca di Feria, etc., Governatore etc. Però, non essendo essi morti neppur di quelli, l’Illustrissimo ed Eccellentissimo Signore, il Signor Gonzalo Fernandez di Cordova, sotto il cui governo accadde la passeggiata di don Abbondio, s’era trovato costretto a ricorreggere e ripubblicare la solita grida contro i bravi, il giorno 5 ottobre del 1627, cioè un anno, un mese e due giorni prima di quel memorabile avvenimento.

Nè fu questa l’ultima pubblicazione; ma noi delle posteriori non crediamo dover far menzione, come di cosa che esce dal periodo della nostra storia. Ne accenneremo soltanto una del 13 febbraio dell’anno 1632, nella quale l’Illustrissimo ed Eccellentissimo Signore, el Duque de Feria, per la seconda volta governatore, ci avvisa che le maggiori sceleraggini procedono da quelli che chiamano bravi. Questo basta ad assicurarci che, nel tempo di cui noi trattiamo, c’era de’ bravi tuttavia.

Che i due descritti di sopra stessero ivi ad aspettar qualcheduno, era cosa troppo evidente; ma quel che più dispiacque a don Abbondio fu il dover accorgersi, per certi atti, che l’aspettato era lui. Perchè, al suo apparire, coloro s’eran guardati in viso, alzando la testa, con un movimento dal quale si scorgeva che tutt’e due a un tratto avevan detto: è lui; quello che stava a cavalcioni s’era alzato, tirando la sua gamba sulla strada; l’altro s’era staccato dal muro; e tutt’e due gli s’avviavano incontro. Egli, tenendosi sempre il breviario aperto dinanzi, come se leggesse, spingeva lo sguardo in su, per ispiar le mosse di coloro; e, vedendoseli venir proprio incontro, fu assalito a un tratto da mille pensieri. Domandò subito in fretta a sè stesso, se, tra i bravi e lui, ci fosse qualche uscita di strada, a destra o a sinistra; e gli sovvenne subito di no. Fece un rapido esame, se avesse peccato contro qualche potente, contro qualche vendicativo; ma, anche in quel turbamento, il testimonio consolante della coscienza lo rassicurava alquanto: i bravi però s’avvicinavano, guardandolo fisso. Mise l’indice e il medio della mano sinistra nel collare, come per raccomodarlo; e, girando le due dita intorno al collo, volgeva intanto la faccia all’indietro, torcendo insieme la bocca, e guardando con la coda dell’occhio, fin dove poteva, se qualcheduno arrivasse; ma non vide nessuno.

Diede un’occhiata, al di sopra del muricciolo, ne’ campi: nessuno; un’altra più modesta sulla strada dinanzi; nessuno, fuorchè i bravi. Che fare? tornare indietro, non era a tempo: darla a gambe, era lo stesso che dire, inseguitemi, o peggio. Non potendo schivare il pericolo, vi corse incontro, perchè i momenti di quell’incertezza erano allora così penosi per lui, che non desiderava altro che d’abbreviarli. Affrettò il passo, recitò un versetto a voce più alta, compose la faccia a tutta quella quiete e ilarità che potè, fece ogni sforzo per preparare un sorriso; quando si trovò a fronte dei due galantuomini, disse mentalmente: ci siamo; e si fermò su due piedi. “Signor curato,” disse un di que’ due, piantandogli gli occhi in faccia.

I promessi sposi - Capitolo 1 pag. 3 >>




Libri

I Promessi Sposi - Capitolo 1 pag. 1

Capitolo 1 pag 1 dei Promessi Sposi da stampare gratis. Leggi i promessi sposi e tutte le caratteristiche e informazioni contenute nel primo capitolo. Riassunto del primo capitolo.

Esplorando l'abisso dell'anima: un viaggio ne La metamorfosi di Kafka

La scheda bibliografica su "La Metamorfosi" di Kafka fornisce una panoramica concisa dell'opera. Esplora la storia di Gregor Samsa, un commesso viaggiatore che si sveglia un giorno trasformato in un insetto. L'opera di Kafka esplora temi come l'alienazione, l'identità e l'isolamento, mentre offre una prospettiva surreale sulla condizione umana. Scritto con uno stile evocativo e coinvolgente, "La Metamorfosi" continua a lasciare un'impronta indelebile nella letteratura mondiale.

Il ritratto di Dorian Gray: Una riflessione sulla bellezza e la corruzione

Il romanzo "Il ritratto di Dorian Gray" di Oscar Wilde è una delle opere più celebri della letteratura inglese, e ancora oggi rimane una lettura affascinante e provocatoria. Pubblicato nel 1890, il libro affronta temi complessi come la bellezza, la moralità e la corruzione, offrendo una critica acuta alla società vittoriana. In questo articolo, esploreremo il significato profondo del romanzo e la sua eredità duratura nella letteratura.

Piccole donne: Un classico intramontabile sulla forza della famiglia e l'affermazione delle donne

"Piccole donne" di Louisa May Alcott è uno dei romanzi più amati e iconici della letteratura. Pubblicato per la prima volta nel 1868-1869, il libro racconta la storia delle quattro sorelle March e delle loro avventure durante l'adolescenza e la transizione verso l'età adulta. Ambientato nell'America post-guerra civile, il romanzo affronta temi universali come l'amore, l'amicizia, l'indipendenza e la forza dei legami familiari. In questo articolo, esploreremo le ragioni per cui "Piccole donne" continua a catturare il cuore dei lettori di ogni generazione.


Ultimi articoli

Buongiorno 23 gennaio: il tuo successo inizia oggi

Buongiorno, e che il 23 Gennaio sia il primo capitolo di una storia epica e appagante! Il 23 Gennaio è una data speciale perché è il giorno in cui inizia la tua nuova storia. Sii l'autore coraggioso, il protagonista appassionato e il narratore ispirato della tua vita. Scrivi una storia che rifletta la tua autenticità e il tuo potenziale illimitato.

Benvenuto febbraio un mese di speranza e rinascita

Benvenuto Febbraio, siamo pronti a fiorire con te! Febbraio, con il suo fascino e la sua magia, ci accoglie con le braccia aperte. Siamo pronti a vivere intensamente, ad abbracciare le emozioni e a rendere ogni giorno significativo. Che questo Febbraio sia un mese di speranza, amore e rinascita personale.

Buongiorno sii il capitano del tuo destino

Buongiorno ogni nuova giornata è una tela bianca sulla quale potete dipingere la vostra storia. Siate il capitano della vostra nave, il regista della vostra giornata. Approfittate di ogni momento per crescere, imparare e superare sfide.

Soul film di animazione del 2020

Soul è un film d'animazione del 2020 che segue la storia di Joe Gardner, un insegnante di musica in cerca del vero significato della vita attraverso avventure tra il mondo terreno e oltre.

Luca film di animazione del 2021

Luca, un mostro marino, scopre il mondo umano con l'amico Alberto a Portorosso. Affrontano sfide e pregiudizi, formando legami che cambieranno le loro vite.

Buongiorno 30 marzo con l'arte di Van Gogh

Buongiorno del 30 marzo, un'aurora speciale che ci invita a celebrare la vita, l'arte e la nascita di Vincent van Gogh. In questo inizio di giornata, sintonizziamoci su ispirazioni profonde e riflessioni che ci guidino attraverso il nostro personale viaggio. Che la luce di questo "Buongiorno" illuminata dalla creatività di van Gogh ci ispiri e ci guidi in un giorno ricco di significato.

Buongiorno 21 gennaio

Buongiorno 21 gennaio. Che ogni giorno ci sia un nuovo capitolo di avventure, apprendimenti e crescita. Buongiorno alla meravigliosa vita che stiamo vivendo!

Esplora le categorie

Tante Immagini gratis