A Silvia: poesia di Giacomo Leopardi

A Silvia è una poesia malinconica che celebra la giovinezza e la bellezza, ma contiene anche un'ombra di nostalgia e rimpianto per il passare del tempo. La fusione di elementi romantici e malinconici è tipica dello stile di Leopardi. La poesia riflette la consapevolezza del poeta della transitorietà della vita e della bellezza, temi ricorrenti nella sua opera.

Poesie

Giacomo Leopardi
A Silvia: poesia di Giacomo Leopardi
Condizioni di utilizzo dell'immagine

Solo per uso personale e per la condivisione sui social tramite i bottoni presenti sull'immagine. Per la distribuzione su altri siti o blog è necessario inserire il link di attribuzione come segue:
<a href="https://www.cartoni.wiki/blog/Poesie_A+Silvia%3A+poesia+di+Giacomo+Leopardi_blog_2411">Cartoni.wiki</a>

TI PIACE QUESTA IMMAGINE?
Personalizza »


CONDIVIDILA
A Silvia: poesia di Giacomo Leopardi

"A Silvia" di Giacomo Leopardi è una poesia che cattura l'essenza della vita in poche righe, intrecciando l'arte, l'amore e la malinconia in un ricordo duraturo. Questo capolavoro è un invito a riflettere sulla fugacità della giovinezza e sull'importanza di preservare i ricordi che rendono la vita significativa. Una lettura di "A Silvia" è un viaggio poetico attraverso il tempo che continua a resonare nei cuori dei lettori di oggi.

La poesia "A Silvia" di Giacomo Leopardi è un capolavoro che offre un viaggio emotivo attraverso il ricordo, la bellezza e la transitorietà della vita. Scritta nel 1828, questa poesia è un toccante tributo a un'epoca di gioventù e speranza, catturata nell'arte e nell'amore di Silvia.

Il Ricordo Viscerale

La poesia si apre con la domanda diretta "Silvia, rimembri ancora," immediatamente coinvolgendo il lettore in un viaggio emotivo attraverso il tempo. Questa immediata evocazione del passato sottolinea la forza del ricordo nella mente del poeta.

La Bellezza Effimera

Il ritratto della bellezza di Silvia, con i suoi occhi "ridenti e fuggitivi," evoca immagini di una giovinezza luminosa e fugace. Leopardi dipinge un'immagine della giovinezza come un periodo di splendore, ma al tempo stesso vulnerabile e destinato a sfumare.

Silvia, rimembri ancora
Quel tempo della tua vita mortale,
Quando beltà splendea
Negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi,
E tu, lieta e pensosa, il limitare
Di gioventù salivi?
Sonavan le quiete
Stanze, e le vie d'intorno,
Al tuo perpetuo canto,
Allor che all'opre femminili inusitata
Teco unìa l'arte, e amore
Il cor componea.

Quanti vaghi pensieri,
Quant' inenarrabili
Gioie, e quei dolci affanni
Che destano a maraviglia amore
E giovinezza, eran si misti in te,
Che sospirando ei diè felice fine
A' suoi giorni, e dei suoi
Maggiore abbandonò la vita.

Ov'è l'aura che risonò quei canti?
Dove gli studi onde si dolse il cielo?
O Silvia, quanto t'ama,
E come, amando, il tuo
Amor mortal s'affida a noi!

Vieni: apparirà la primavera
De' tuoi novelli giorni,
E delle sacre rime
L'antica melodia.
Gia torna il bel sereno:
E riede il sol di maggio
In sul sereno aspetto,
E riede il di sereno
In sul sereno aspetto,
E la fiorita terra
Di nuovo riderà.

Ma, come verrà giorno
Che di novella luce
Non s'annunzi il mattino?
E com'esser può, Silvia,
Che da te pure
L'altrui contento in noi
Non desti un disconforto?

Ov'è la rosa antica,
L'angelica favella,
L'innocenza, e i vezzi,
Ove il trovar si suole
Sol di tua labbra, e tu non t'accorgi?
E non s'accorge il mondo
Che sei beltà celeste,
E che chi t'ama è pazzo?

O donne, o donne, quanto
Mal v'ingannan le stelle!
Quanto fia ver che le celesti insegne
Caggian dal cielo in cor mortale!
E quanto fia ver che fia nascosto il vero!

Ma tu, Silvia, tu
No, no; che di tue lodi
Il mondo è inondato,
E di tua fama
Ogni lingua è piena.
Sei ne l'età più fiorita
L'unica speme; e sei
Nel materno sembiante
Un raggio di virtù.
Gli occhi di tutti in te
Stanno sospesi, e pur
Chi t'ama non s'accorge
Che fra l'amor e il fato
Il più legger sospiro
Sta sempre in bilico.

Or di' vero, Silvia,
Questo è dunque l'antico
Amor, questo il destin de' nostri giorni?
E l'opra nostra qual è?
Tu dunque in queste piagge,
In questi campi e boschi,
Non torni a rivederci?
E qui fra queste mura
Dove noi fummo insieme,
Non verrai a cercarne
Il solito ritiro?
E la fama ch'hai tanta,
Non ti commove il petto?
E il sonno, o Silvia, ove
Sei tu, quando la notte
Il picciol sonno accoglie?

Anima candida,
Dove sei tu? rispondi:
Ché la tua voce riede
Come un'eco lontana.
Ma più non torni a noi?
Ove sarai? che fai?
Forse ne l'ombre eterne
Stai già? Gia fra le morte
Tua madre e il genitor?
E gli ultimi sospiri
Ti han chiusa ne l'avello?

Ma, come, o cara Silvia,
Fuggir potesti al parco?
O com'è divenuto
Il tuo bel viso?
Forse al morir del giorno
Quando si fanno incerti
Gli oggetti, il sol tuo raggio
Lasciò di visitarci,
E di tua luce un raggio
Ne portasti teco?

Il Limite della Gioventù

L'immagine del "limitare di gioventù" suggerisce una soglia oltre la quale la giovinezza lascia spazio all'età adulta. Questa transizione è descritta con delicatezza, sottolineando il passaggio inevitabile del tempo.

Arte e Amore Intrecciati

La menzione del "perpetuo canto" di Silvia evidenzia la sua dualità come artista e amante. Leopardi suggerisce che la creatività di Silvia e il suo amore si fondono in un unico filo narrativo, conferendo profondità al suo carattere.

Il Lamento Nostalgico

Nonostante la bellezza e la serenità evocate, la poesia è permeata da un lamento silenzioso. Il passare del tempo e la fugacità della gioventù sono intrinsecamente legati a un senso di malinconia e nostalgia.

L'Attualità di "A Silvia"

Nonostante la sua composizione nel XIX secolo, "A Silvia" continua a toccare i lettori moderni. La sua riflessione sulla transitorietà della vita, la bellezza e la potenza dei ricordi è universale e atemporale.




Poesie

Passero solitario di Giacomo Leopardi

Passero solitario di Giacomo Leopardi è un capolavoro che esplora la solitudine, la malinconia e la transitorietà dell'esistenza umana. Attraverso le sue parole toccanti, Leopardi ci invita a riflettere sulla nostra stessa condizione, esplorando la bellezza e la tristezza dell'isolamento. Questa poesia rimane un monito eterno sulla fugacità del tempo e sull'incolmabile divario tra gli esseri umani e l'infinito universo che li circonda.

L’infinito di Giacomo Leopardi

L'infinito di Giacomo Leopardi rimane una delle sue opere più significative e universali. Attraverso le sue parole, il poeta offre un invito alla riflessione, spingendo il lettore a esplorare l'infinito dentro di sé e nel mondo che lo circonda.

Il sabato del villaggio di Giacomo Leopardi

Il Sabato del Villaggio invita il lettore a riflettere sulla natura umana, i desideri insoddisfatti e la lotta contro la fugacità della felicità. Leopardi, attraverso la sua poesia, ci incoraggia a scrutare nelle profondità della nostra anima e ad abbracciare la bellezza e la malinconia della vita.

A Silvia: poesia di Giacomo Leopardi

A Silvia è una poesia malinconica che celebra la giovinezza e la bellezza, ma contiene anche un'ombra di nostalgia e rimpianto per il passare del tempo. La fusione di elementi romantici e malinconici è tipica dello stile di Leopardi. La poesia riflette la consapevolezza del poeta della transitorietà della vita e della bellezza, temi ricorrenti nella sua opera.

La poesia di Ungaretti: un'ode alla rinascita nella Mattina

I raggi dell'aurora tingono il cielo d'oro, sussurri nell'aria di un giorno nuovo. La mattina si apre come un fiore, risvegliando i cuori con il suo splendore. Pensieri levano ali nella brezza fresca, la natura sorride al risveglio. Mattina, incanto e poesia.


Ultimi articoli

Buongiorno 23 gennaio: il tuo successo inizia oggi

Buongiorno, e che il 23 Gennaio sia il primo capitolo di una storia epica e appagante! Il 23 Gennaio è una data speciale perché è il giorno in cui inizia la tua nuova storia. Sii l'autore coraggioso, il protagonista appassionato e il narratore ispirato della tua vita. Scrivi una storia che rifletta la tua autenticità e il tuo potenziale illimitato.

Benvenuto febbraio un mese di speranza e rinascita

Benvenuto Febbraio, siamo pronti a fiorire con te! Febbraio, con il suo fascino e la sua magia, ci accoglie con le braccia aperte. Siamo pronti a vivere intensamente, ad abbracciare le emozioni e a rendere ogni giorno significativo. Che questo Febbraio sia un mese di speranza, amore e rinascita personale.

Buongiorno sii il capitano del tuo destino

Buongiorno ogni nuova giornata è una tela bianca sulla quale potete dipingere la vostra storia. Siate il capitano della vostra nave, il regista della vostra giornata. Approfittate di ogni momento per crescere, imparare e superare sfide.

Soul film di animazione del 2020

Soul è un film d'animazione del 2020 che segue la storia di Joe Gardner, un insegnante di musica in cerca del vero significato della vita attraverso avventure tra il mondo terreno e oltre.

Luca film di animazione del 2021

Luca, un mostro marino, scopre il mondo umano con l'amico Alberto a Portorosso. Affrontano sfide e pregiudizi, formando legami che cambieranno le loro vite.

Buongiorno 30 marzo con l'arte di Van Gogh

Buongiorno del 30 marzo, un'aurora speciale che ci invita a celebrare la vita, l'arte e la nascita di Vincent van Gogh. In questo inizio di giornata, sintonizziamoci su ispirazioni profonde e riflessioni che ci guidino attraverso il nostro personale viaggio. Che la luce di questo "Buongiorno" illuminata dalla creatività di van Gogh ci ispiri e ci guidi in un giorno ricco di significato.

Buongiorno 21 gennaio

Buongiorno 21 gennaio. Che ogni giorno ci sia un nuovo capitolo di avventure, apprendimenti e crescita. Buongiorno alla meravigliosa vita che stiamo vivendo!

Esplora le categorie

Tante Immagini gratis