I promessi sposi - Capitolo 1 pag. 4

I promessi sposi - Capitolo 1 pag. 4 da stampare gratis online. Stampa e leggi il libro dei promessi sposi di Alessandro Manzoni

Libri

Alessandro Manzoni Promessi Sposi Capitolo 1 I Promessi Sposi
I promessi sposi - Capitolo 1 pag. 4
Condizioni di utilizzo dell'immagine

Solo per uso personale e per la condivisione sui social tramite i bottoni presenti sull'immagine. Per la distribuzione su altri siti o blog è necessario inserire il link di attribuzione come segue:
<a href="https://www.cartoni.wiki/blog/Libri_I+promessi+sposi+-+Capitolo+1+pag.+4_blog_1459">Cartoni.wiki</a>

TI PIACE QUESTA IMMAGINE?
Personalizza »


CONDIVIDILA
I promessi sposi - Capitolo 1 pag. 4

<< I promessi sposi - Capitolo 1 pag. 3

Ognuna di queste piccole oligarchie aveva una sua forza speciale e propria; in ognuna l’individuo trovava il vantaggio d’impiegar per sé, a proporzione della sua autorità e della sua destrezza, le forze riunite di molti. I più onesti si valevan di questo vantaggio a difesa soltanto; gli astuti e i facinorosi ne approfittavano, per condurre a termine ribalderie, alle quali i loro mezzi personali non sarebber bastati, e per assicurarsene l’impunità. Le forze però di queste varie leghe eran molto disuguali; e, nelle campagne principalmente, il nobile dovizioso e violento, con intorno uno stuolo di bravi, e una popolazione di contadini avvezzi, per tradizione famigliare, e interessati o forzati a riguardarsi quasi come sudditi e soldati del padrone, esercitava un potere, a cui difficilmente nessun’altra frazione di lega avrebbe ivi potuto resistere.


Il nostro Abbondio non nobile, non ricco, coraggioso ancor meno, s’era dunque accorto, prima quasi di toccar gli anni della discrezione, d’essere, in quella società, come un vaso di terra cotta, costretto a viaggiare in compagnia di molti vasi di ferro. Aveva quindi, assai di buon grado, ubbidito ai parenti, che lo vollero prete. Per dir la verità, non aveva gran fatto pensato agli obblighi e ai nobili fini del ministero al quale si dedicava: procacciarsi di che vivere con qualche agio, e mettersi in una classe riverita e forte, gli eran sembrate due ragioni più che sufficienti per una tale scelta. Ma una classe qualunque non protegge un individuo, non lo assicura, che fino a un certo segno: nessuna lo dispensa dal farsi un suo sistema particolare. Don Abbondio, assorbito continuamente ne’ pensieri della propria quiete, non si curava di que’ vantaggi, per ottenere i quali facesse bisogno d’adoperarsi molto, o d’arrischiarsi un poco. Il suo sistema consisteva principalmente nello scansar tutti i contrasti, e nel cedere, in quelli che non poteva scansare. Neutralità disarmata in tutte le guerre che scoppiavano intorno a lui, dalle contese, allora frequentissime, tra il clero e le podestà laiche, tra il militare e il civile, tra nobili e nobili, fino alle questioni tra due contadini, nate da una parola, e decise coi pugni, o con le coltellate. Se si trovava assolutamente costretto a prender parte tra due contendenti, stava col più forte, sempre però alla retroguardia, e procurando di far vedere all’altro ch’egli non gli era volontariamente nemico: pareva che gli dicesse: ma perché non avete saputo esser voi il più forte? ch’io mi sarei messo dalla vostra parte. Stando alla larga da’ prepotenti, dissimulando le loro soverchierie passeggiere e capricciose, corrispondendo con sommissioni a quelle che venissero da un’intenzione più seria e più meditata, costringendo, a forza d’inchini e di rispetto gioviale, anche i più burberi e sdegnosi, a fargli un sorriso, quando gl’incontrava per la strada, il pover’uomo era riuscito a passare i sessant’anni, senza gran burrasche.


Non è però che non avesse anche lui il suo po’ di fiele in corpo; e quel continuo esercitar la pazienza, quel dar così spesso ragione agli altri, que’ tanti bocconi amari inghiottiti in silenzio, glielo avevano esacerbato a segno che, se non avesse, di tanto in tanto, potuto dargli un po’ di sfogo, la sua salute n’avrebbe certamente sofferto. Ma siccome v’eran poi finalmente al mondo, e vicino a lui, persone ch’egli conosceva ben bene per incapaci di far male, così poteva con quelle sfogare qualche volta il mal umore lungamente represso, e cavarsi anche lui la voglia d’essere un po’ fantastico, e di gridare a torto. Era poi un rigido censore degli uomini che non si regolavan come lui, quando però la censura potesse esercitarsi senza alcuno, anche lontano, pericolo. Il battuto era almeno un imprudente; l’ammazzato era sempre stato un uomo torbido. A chi, messosi a sostener le sue ragioni contro un potente, rimaneva col capo rotto, don Abbondio sapeva trovar sempre qualche torto; cosa non difficile, perchè la ragione e il torto non si dividon mai con un taglio così netto, che ogni parte abbia soltanto dell’una o dell’altro. Sopra tutto poi, declamava contro que’ suoi confratelli che, a loro rischio, prendevan le parti d’un debole oppresso, contro un soverchiatore potente. Questo chiamava un comprarsi gl’impicci a contanti, un voler raddirizzar le gambe ai cani; diceva anche severamente, ch’era un mischiarsi nelle cose profane, a danno della dignità del sacro ministero. E contro questi predicava, sempre però a quattr’occhi, o in un piccolissimo crocchio, con tanto più di veemenza, quanto più essi eran conosciuti per alieni dal risentirsi, in cosa che li toccasse personalmente. Aveva poi una sua sentenza prediletta, con la quale sigillava sempre i discorsi su queste materie: che a un galantuomo, il qual badi a sè, e stia ne’ suoi panni, non accadon mai brutti incontri.


Pensino ora i miei venticinque lettori che impressione dovesse fare sull’animo del poveretto, quello che s’è raccontato. Lo spavento di que’ visacci e di quelle parolacce, la minaccia d’un signore noto per non minacciare invano, un sistema di quieto vivere, ch’era costato tant’anni di studio e di pazienza, sconcertato in un punto, e un passo dal quale non si poteva veder come uscirne: tutti questi pensieri ronzavano tumultuariamente nel capo basso di don Abbondio. — Se Renzo si potesse mandare in pace con un bel no, via; ma vorrà delle ragioni; e cosa ho da rispondergli, per amor del cielo? E, e, e, anche costui è una testa: un agnello se nessun lo tocca, ma se uno vuol contraddirgli… ih! E poi, e poi, perduto dietro a quella Lucia, innamorato come… Ragazzacci, che, per non saper che fare, s’innamorano, voglion maritarsi, e non pensano ad altro; non si fanno carico de’ travagli in che mettono un povero galantuomo. Oh povero me! vedete se quelle due figuracce dovevan proprio piantarsi sulla mia strada, e prenderla con me! Che c’entro io? Son io che voglio maritarmi? Perché non son andati piuttosto a parlare… Oh vedete un poco: gran destino è il mio, che le cose a proposito mi vengan sempre in mente un momento dopo l’occasione. Se avessi pensato di suggerir loro che andassero a portar la loro imbasciata… — Ma, a questo punto, s’accorse che il pentirsi di non essere stato consigliere e cooperatore dell’iniquità era cosa troppo iniqua; e rivolse tutta la stizza de’ suoi pensieri contro quell’altro che veniva così a togliergli la sua pace. Non conosceva don Rodrigo che di vista e di fama, nè aveva mai avuto che far con lui, altro che di toccare il petto col mento, e la terra con la punta del suo cappello, quelle poche volte che l’aveva incontrato per la strada. Gli era occorso di difendere, in più d’un’occasione, la riputazione di quel signore, contro coloro che, a bassa voce, sospirando, e alzando gli occhi al cielo, maledicevano qualche suo fatto: aveva detto cento volte ch’era un rispettabile cavaliere. Ma, in quel momento gli diede in cuor suo tutti que’ titoli che non aveva mai udito applicargli da altri, senza interrompere in fretta con un oibò. Giunto, tra il tumulto di questi pensieri, alla porta di casa sua, ch’era in fondo del paesello, mise in fretta nella toppa la chiave, che già teneva in mano; aprì, entrò, richiuse diligentemente; e, ansioso di trovarsi in una compagnia fidata, chiamò subito: “Perpetua! Perpetua!,” avviandosi pure verso il salotto, dove questa doveva esser certamente ad apparecchiar la tavola per la cena. Era Perpetua, come ognun se n’avvede, la serva di don Abbondio: serva affezionata e fedele, che sapeva ubbidire e comandare, secondo l’occasione, tollerare a tempo il brontolìo e le fantasticaggini del padrone, e fargli a tempo tollerar le proprie, che divenivan di giorno in giorno più frequenti, da che aveva passata l’età sinodale dei quaranta, rimanendo celibe, per aver rifiutati tutti i partiti che le si erano offerti, come diceva lei, o per non aver mai trovato un cane che la volesse, come dicevan le sue amiche.

“Misericordia! cos’ha, signor padrone?”

I promessi sposi - Capitolo 1 pag. 5 >>




Libri

I Promessi Sposi - Capitolo 1 pag. 1

Capitolo 1 pag 1 dei Promessi Sposi da stampare gratis. Leggi i promessi sposi e tutte le caratteristiche e informazioni contenute nel primo capitolo. Riassunto del primo capitolo.

Esplorando l'abisso dell'anima: un viaggio ne La metamorfosi di Kafka

La scheda bibliografica su "La Metamorfosi" di Kafka fornisce una panoramica concisa dell'opera. Esplora la storia di Gregor Samsa, un commesso viaggiatore che si sveglia un giorno trasformato in un insetto. L'opera di Kafka esplora temi come l'alienazione, l'identità e l'isolamento, mentre offre una prospettiva surreale sulla condizione umana. Scritto con uno stile evocativo e coinvolgente, "La Metamorfosi" continua a lasciare un'impronta indelebile nella letteratura mondiale.

Il ritratto di Dorian Gray: Una riflessione sulla bellezza e la corruzione

Il romanzo "Il ritratto di Dorian Gray" di Oscar Wilde è una delle opere più celebri della letteratura inglese, e ancora oggi rimane una lettura affascinante e provocatoria. Pubblicato nel 1890, il libro affronta temi complessi come la bellezza, la moralità e la corruzione, offrendo una critica acuta alla società vittoriana. In questo articolo, esploreremo il significato profondo del romanzo e la sua eredità duratura nella letteratura.

Piccole donne: Un classico intramontabile sulla forza della famiglia e l'affermazione delle donne

"Piccole donne" di Louisa May Alcott è uno dei romanzi più amati e iconici della letteratura. Pubblicato per la prima volta nel 1868-1869, il libro racconta la storia delle quattro sorelle March e delle loro avventure durante l'adolescenza e la transizione verso l'età adulta. Ambientato nell'America post-guerra civile, il romanzo affronta temi universali come l'amore, l'amicizia, l'indipendenza e la forza dei legami familiari. In questo articolo, esploreremo le ragioni per cui "Piccole donne" continua a catturare il cuore dei lettori di ogni generazione.


Ultimi articoli

Buongiorno 23 gennaio: il tuo successo inizia oggi

Buongiorno, e che il 23 Gennaio sia il primo capitolo di una storia epica e appagante! Il 23 Gennaio è una data speciale perché è il giorno in cui inizia la tua nuova storia. Sii l'autore coraggioso, il protagonista appassionato e il narratore ispirato della tua vita. Scrivi una storia che rifletta la tua autenticità e il tuo potenziale illimitato.

Benvenuto febbraio un mese di speranza e rinascita

Benvenuto Febbraio, siamo pronti a fiorire con te! Febbraio, con il suo fascino e la sua magia, ci accoglie con le braccia aperte. Siamo pronti a vivere intensamente, ad abbracciare le emozioni e a rendere ogni giorno significativo. Che questo Febbraio sia un mese di speranza, amore e rinascita personale.

Buongiorno sii il capitano del tuo destino

Buongiorno ogni nuova giornata è una tela bianca sulla quale potete dipingere la vostra storia. Siate il capitano della vostra nave, il regista della vostra giornata. Approfittate di ogni momento per crescere, imparare e superare sfide.

Soul film di animazione del 2020

Soul è un film d'animazione del 2020 che segue la storia di Joe Gardner, un insegnante di musica in cerca del vero significato della vita attraverso avventure tra il mondo terreno e oltre.

Luca film di animazione del 2021

Luca, un mostro marino, scopre il mondo umano con l'amico Alberto a Portorosso. Affrontano sfide e pregiudizi, formando legami che cambieranno le loro vite.

Buongiorno 30 marzo con l'arte di Van Gogh

Buongiorno del 30 marzo, un'aurora speciale che ci invita a celebrare la vita, l'arte e la nascita di Vincent van Gogh. In questo inizio di giornata, sintonizziamoci su ispirazioni profonde e riflessioni che ci guidino attraverso il nostro personale viaggio. Che la luce di questo "Buongiorno" illuminata dalla creatività di van Gogh ci ispiri e ci guidi in un giorno ricco di significato.

Buongiorno 21 gennaio

Buongiorno 21 gennaio. Che ogni giorno ci sia un nuovo capitolo di avventure, apprendimenti e crescita. Buongiorno alla meravigliosa vita che stiamo vivendo!

Esplora le categorie

Tante Immagini gratis